L’impermanenza è la cura alla sofferenza